Sanzioni a carico dei clienti

  • condividi
  • |
  • |
In caso di non rispetto degli obblighi si applicano le seguenti Sanzioni Amministrative
Il personale aziendale di verifica deve controllare il rispetto di tutto quanto previsto dalle norme emanate dalla Regione Toscana (Leggi Regione Toscana nr. 42/1998, nr. 33/2003 e successive modifiche ed integrazioni), circa l’utilizzo dei servizi di Trasporto Pubblico Locale.
Coloro che violano una delle norme contenute nelle leggi suddette, sono tenuti al pagamento di una sanzione amministrativa.
Tali sanzioni ammontano, nella misura ridotta, a:
A - € 80,00 sui servizi urbani ed € 120,00 sui servizi extraurbani, per i passeggeri sprovvisti di titolo di viaggio o muniti di titolo di viaggio non valido per il percorso oppure non convalidato oppure alterato/contraffatto, oltre al pagamento del normale biglietto a tariffa ordinaria;
B - € 20,00 per le violazioni di quanto indicato nei paragrafi dei “Doveri dei clienti” dal punto b) al punto k) con esclusione del punto “j) non fumare”, nonché per la mancata validazione di abbonamenti ad ogni accesso al bus, ove disposta obbligatoriamente dal gestore del servizio.

Per il pagamento diretto all’incaricato della verifica o entro i 15 giorni successivi, le sanzioni suddette sono ridotte rispettivamente alla misura minima di € 40,00 per i servizi urbani, € 60,00 per i servizi extraurbani ed € 10,00 per i casi di cui al precedente punto B.

Il viaggiatore può versare l’importo delle sanzioni, entro i 15 giorni successivi all’accertamento, presso le biglietterie aziendali.
Può inoltre effettuare il pagamento mediante versamento a mezzo bollettino di conto corrente postale, i cui riferimenti (Numero, destinatario, indirizzo) sono riportati sul verbale di accertamento o di notifica, indicando sul retro la data ed il numero del verbale di accertamento.

Trascorsi 60 giorni dalla contestazione/notifica senza che sia avvenuto il pagamento, sarà emessa (ai sensi dell’Articolo 10 Legge Regione Toscana nr. 81/2000) un’ordinanza/ingiunzione. In questo caso la sanzione sarà aumentata come previsto dalla normativa vigente (Articolo 25 Legge Regione Toscana nr. 42/1998 e successive modificazioni ed integrazioni) fino ad € 240,00 per le sanzioni di cui al precedente punto A elevate su servizi urbani, € 360,00 per le sanzioni di cui al precedente punto A elevate su servizi extraurbani ed € 60,00 per le sanzioni di cui al precedente punto B.

Il trasgressore che entro 15 giorni dall’accertamento presenti ad una delle biglietterie aziendali l’abbonamento personale valido ad una data antecedente a quella dell’accertamento, e che abbia dimostrato le proprie generalità al momento dell’accertamento stesso, sarà soggetto alla sanzione amministrativa di € 10,00 (Articolo 25 comma 5 Legge Regione Toscana nr. 42/1998 così come modificato con Legge Regione Toscana nr. 86/2014).

Chiunque utilizzi biglietti contraffatti o alteri i segni presenti sui biglietti stessi è punibile a norma dell’Articolo nr. 462 del Codice Penale, nonché degli Articoli nr. 465 e nr. 466 del Codice Penale, questi ultimi così come modificati dal Decreto Legislativo nr. 507/99.

I dati anagrafici del trasgressore, il cui conferimento è obbligatorio ai sensi dell’Articolo nr. 651 del Codice Penale, sono raccolti per le finalità di cui all’Articolo nr. 25 Legge Regione Tosscana nr. 42/1998 ed il loro trattamento sarà effettuato da personale aziendale.
Il rifiuto di fornire le proprie generalità o la falsa attestazione di esse è punibile a norma del Codice Penale.

È facoltà dell’autore della trasgressione (o della persona obbligata in solido al pagamento) inviare, entro 30 giorni dalla contestazione o dalla notifica, scritti difensivi in carta libera e/o chiedere di essere ascoltato dalla Direzione di CAP autolinee scarl presso il proprio Ufficio Relazioni con il Pubblico di Piazza Duomo, 17 a Prato.

Gli utenti sprovvisti di biglietto, in casi eccezionali, potranno regolarizzarsi acquistando, all’inizio della corsa, dall’autista, un titolo di corsa semplice, comprensivo di una maggiorazione tariffaria (Legge Regione Toscana nr. 58/1995). Tale biglietto deve essere regolarmente convalidato in vettura. È necessario salire dalla porta anteriore, muniti di denaro contato.

Per la violazione di quanto al punto j) del paragrafo contenuto nei “Doveri dei clienti” (divieto di fumo) è elevata sanzione amministrativa per l’importo da € 27,50 a € 275,00 ai sensi della Legge nr. 3/2003 e Legge Regione Toscana nr. 25/2005.

Resta salva l’applicazione di sanzioni derivanti da specifiche normative.