In evidenza

  • condividi
  • |
  • |

26 luglio 2019

Bonus abbonamenti

Ai sensi di quanto previsto dall’articolo 15 del Testo Unico delle Imposte sui redditi le spese per l’acquisto di ABBONAMENTI per il trasporto pubblico possono essere portati in detrazione.
La detrazione è riconosciuta nel limite massimo di spesa di € 250,00 all’anno.
Tale importo deve ritenersi riferito cumulativamente alle spese sostenute dal contribuente per l’abbonamento proprio e dei familiari a carico.

Le tipologie di titoli di viaggio detraibili sono esclusivamente gli ABBONAMENTI PERSONALI, di qualunque validità spaziale  e temporale (urbani o extraurbani; settimanali, mensili, annuali).

Per accedere alla detrazione occorre essere in possesso di idonea documentazione utile a dimostrare l’acquisto dell’abbonamento al trasporto pubblico. Da tale documentazione devono emergere le seguenti informazioni:
la denominazione o ragione sociale del soggetto che eroga il servizio di trasporto pubblico
la descrizione della tipologia di trasporto
l’ammontare della spesa
il numero progressivo dell’abbonamento
la data di emissione/validità
In sostanza è sufficiente conservare l’abbonamento cartaceo acquistato, in quanto lo stesso assolve alla funzione di scontrino fiscale.
In caso di abbonamenti elettronici è sufficiente conservare lo scontrino rilasciato dalla biglietteria e per l’acquisto on-line.

Si invita pertanto la clientela a CONSERVARE I TAGLIANDI ABBONAMENTO, che potranno essere utili per ottenere le detrazioni fiscali al momento della compilazione della denuncia dei redditi.

Si avvisano gli abbonati che in caso di richiesta di rilascio di documentazioni/attestazioni sostitutive degli abbonamenti non conservati, la stessa sarà evasa dietro il pagamento delle spese amministrative sostenute, quantificate in € 5,00 per ogni nominativo.